ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
cestino.htm   Cestino - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Cicerone: le orazioni -
 
 Scritto da: VeNoM00
ARTICOLO IMMAGINE


Orazioni

  • Pro Sexto Roscio Amerino: orazione contro un potente liberto di Silla (tiranno di Roma); nell'attaccare questo individuo Cicerone deve prestare attenzione in quanto è un'operazione pericolosa. Mostra infatti una grande abilità oratoria, loda Silla pur spregiando il suo liberto;
  • Verrine: sette orazioni contro Verre; l'opera è suddivisa in tre parti: la prima Divinatio In Cecilium in cui chiedeva di essere scelto come accusatore e di non scegliere Cecilio che avrebbe favorito Verre; viene poi l'Actio Prima In Verrem, breve ma incisiva, al punto che Verre abbandona l'aula in quanto le prove sono schiaccianti; vi'è infine l'Actio Secunda In Verrem, mai pronunciata da Cicerone.
  • Pro Lege Manilia De Imperio Gnaei Pompei: è un'orazione deliberativa, il cui intento era sostenere una legge (e non accusare qualcuno); questa legge era stata proposta da Manilio e prevedeva il prolungamento dell'Imperium Consulares Straordinarius di Pompeo contro i pirati che infestavano l'Adriatico;
  • Consolari: orazioni pronunciate da console, si ricordano in particolare le quattro catilinarie;
  • Pro Celio: Celio era un ex-amante di Clodia, accusato da suo fratello Clodio di averle rubato dei gioielli; Cicerone lo difende e descrive la tanto esaltata da Catullo Lesbia/Clodia come una meretrice;
  • De provinciis consolaribus: afferma l'importanza del prolungamento del mandato proconsolare di Cesare in Gallia;
  • Pro milone: scritta in favore di Milone che nel 52 a.C. aveva ucciso Clodio; questa orazione è ricordata per essere avere avuto un esito negativo in quanto mentre veniva pronunciata da Cicerone, nel foro vi erano i sostenitori di Clodio, per le intimidazioni dei quali pare non sia riuscito a pronunciare efficacemente il discorso; Milone viene quindi condannato all'esilio.
  • Philippicae: opera in favore dei pompeiani Marcello e Ligario, prega Cesare di non condannarli.

Ecco le principali caratteristiche che un'orazione doveva possedere nella visione ciceroniana:

  • deve docere, ovvero deve avere una chiarezza espositiva notevole e deve trasmettere un messaggio;
  • l'argomentazione deve essere estremamente razionale;
  • al contempo deve delectare e movere, attirare l'attenzione, e suscitare emozioni o commuovere;

Cicerone non si può identificare completamente né nello stile asiano né nel rodiese; il suo stile è solitamente descritto da una parola latina: concinnitas. Concinnitas significa strutturare un periodo in maniera complessa, arricchirlo di subordinate (mantenendolo però compatto), fare uso di simmetrie, parallelismi, e anche di equivalenze fonico-ritmiche.
 


Busto di Cicerone
 
<< INDIETRO    


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "cicerone".
Visualizza video sull'argomento "opere".
Visualizza video sull'argomento "orazioni".
Visualizza video sull'argomento "cicerone opere orazioni".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: