<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> L'intellettuale nella lotta per la libertÓ | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 4 immm = "articoli" categoria = 6 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "17" sc_asp = 1 %> <%-- --%> ´╗┐
Articolo
 
´╗┐
<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Articoli L'intellettuale nella lotta per la libertÓ
Martirio e furia di popolo




L'intellettuale nella lotta per la libertÓ

<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,240,117,,10,,1,1,1,)) %>


 L'intellettuale nella lotta per la libertÓ

Se per un attimo ci allontaniamo dalla vita quotidiana e tentiamo di guardare la storia nel suo insieme, tra i caratteri pi¨ frequenti troveremo l'eterna lotta per la libertÓ, e la troveremmo dipinta di un colore rosso intenso, del colore del sangue. La ricerca della libertÓ, storicamente, si Ŕ sempre accompagnata con sofferenze e soprattutto con la morte: morte come martirio o morte come vittime della furia incontrollata del popolo che reclama i suoi diritti.
<%'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,468,60,176,,9,,1,1,1,)) %> Il martirio Ŕ sacro ed esemplare: spinge gli animi a ribellarsi all'oppressore, a non accettarlo. Tra i martiri della libertÓ vi Ŕ un infinito numero di combattenti senza nome, che potremmo racchiudere nella persona (seppure fittizia) di Ettore alla porte Scee (in Iliade, Omero, libro VI), ma anche un certo numero di intellettuali che hanno partecipato alle lotte con atti simbolici (come il suicidio di Catone l'Uticense), o vere e proprie denunce (il pi¨ attuale Matteotti). Quando questo genere di personalitÓ non ci sono, la lotta per la libertÓ non scompare, ma interviene il secondo tipo di morte, in cui non vi Ŕ nulla di eroico: il popolo infuriato grida "Ai galantuomini! Ai cappelli! Ammazza! Ammazza!" (G. Verga, La libertÓ, da "Novelle rusticane", 1883). GiÓ nel Cinquecento Niccol˛ Machiavelli sapeva che la popolazione era "tutta pronta e disposta a seguire una bandiera purchÚ ci sia uno che la pigli" (N. Machiavelli, da Il Principe, cap. XXVI, 1532), un MosÚ che apra le acque e che indichi la via per fuggire dall'Egitto dell'oppressione. La massa senza una guida esplode e tenta di arricchirsi, di accaparrarsi terre ("libertÓ voleva dire che doveva essercene per tutti", ibidem), in realtÓ mosso dall'intimo desiderio di sostituirsi a chi prima lo opprimeva. E allora viene ad avere importanza l'esortazione di Eluard (in LibertÚ, 1942) a non perdere di vista l'obiettivo, a scriverlo "su i quaderni di scolaro", "su le immagini dorate" e "su le armi dei guerrieri": libertÓ.
E come tralasciare in proposito la figura di Martin Luther King? "Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertÓ bevendo alla coppa dell'odio e del risentimento" (M. Luther King, da I have a dream, 1965), disse: senza di lui quella lotta sarebbe stata certamente un fiume di sangue sfociato nel nulla.
L'intellettuale, in momenti di difficoltÓ e cambiamento nel suo contesto sociale, non pu˛ lasciarsi sopraffare dallo sconforto e non pu˛ permettere che "le cetre oscillino lievi al triste vento" (S. Quasimodo, da Giorno dopo giorno, 1947), deve infondere coraggio nel popolo e promuovere la creazione di un'identitÓ comune senza per˛ degenerare nella figura di cantore della guerra come fu D'Annunzio.
L'intellettuale non pu˛ sottrarsi al suo ruolo, deve incitare alla libertÓ "su ogni pagina che Ú bianca" (P. Eluard, op. cit.).

 

<% dim autore_file as string = "VeNoM00" %> ´╗┐<% author.Autore = autore_file %>

 
´╗┐