ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
articoli.htm   Articoli - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

Articolo
 
Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento


Articoli Esempio di linguaggio familiare
Racconto ironico che parla di due nonni un po' particolari




Esempio di linguaggio familiare





 Esempio di linguaggio familiare

Stando a dormire a casa dei miei nonni capitava spesso di trovarsi di fronte a delle liti coniugali che il più delle volte sfioravano il comico; la componente che scatenava l'ilarità di noi spettatori era data dal carattere così diverso dei due: mia nonna, chiamata in gioventù la "Leonessa" era ambiziosa e una grande lavoratrice mentre mio nonno, dalla folta chioma bianca e ottantasei anni sulle spalle, era invece famoso per la sua mitezza e bontà d'animo. Si lascia intendere al lettore chi teneva lo scettro di comando nella famiglia.


Di domenica, quando era ora di andare a messa mia nonna, già di "chioma grigia", si attardava ancora come una ragazzina a mettersi a posto, di fronte allo specchio, teneva molto all'ordine, forse più a quello che alla puntualità; intanto mio nonno che aveva la fissazione di arrivare in chiesa in orario si disperava e battendo le mani come per dare il via ad una corsa, diceva così: "Allora siamo pronti?" e lei agitando la mano come per dire "guarda che te le do" e uno sguardo iniettato di rabbia rispondeva: "Ma cosa vuoi arrivare lì un ora prima? Sai cosa sei? Sai cosa ti dico? Ti sei un pagliaccio! Ecco cosa sei!" - Di rimando arrivava subito la pacata risposta: "Manno io devo andare! Poi non troviamo più i posti per sederci..." - E lei come prima: "Aahh guarda! se fos par lu...! Guarda v'è!"- E' così che proseguiva l'insensato litigio, fino a quando mio nonno pronunciava le fatidiche parole: "Pace e bene, io scendo a tirar fuori la macchina." A quel punto mia nonna rimaneva spiazzata e in silenzio si affrettava a chiudere la casa e a salire sull'ascensore.
Dopo la messa c'era la consueta telefonata che così si svolgeva: mia nonna, composto il numero di casa nostra, iniziava a battere nervosamente il piede a terra, quando mia madre sollevava la cornetta la frase ormai arcinota era: "Ah, ciao, aspetta un attimo che passo la telefonata in camera mia..." Detto ciò come sempre mia madre pigiava il pulsante sbagliato così che la linea non veniva passata ad alcun apparecchio ma rimaneva invece sospesa con l'irritante musichetta di attesa che si ripeteva ciclicamente fino a quando, inspiegabilmente, cessava di stordire; in quel momento esatto mia nonna iniziava con un crescendo di ira: "Pronto... Pronto... Pronto! Ma, pronto!! Ma e alora?! Ma sta casa l'è 'n centralino! Ma insomma!" Nel pronunciare queste ultime parole sbatteva la cornetta con grande forza tanto che, a volte, capitava addirittura che l'apparecchio rimanesse in linea impedendo così all'interlocutore di richiamare.
Il seguente pranzo era sempre preparato con dovizia e abbondanza dato che mia nonna teneva molto ad essere apprezzata anche come cuoca. Terminati i primi piatti, così abbondanti da "stendere un cammello", arrivavano i secondi e così via. Il pasto proseguiva fino a quando uno dei commensali non stramazzava a terra ormai sazio e satollo... In quel mentre la "Leonessa" riprendeva a ringhiare: "A matai, matai, sti fioi! Non mangiano più niente! Se sono arrivata fino alla mia età così sana è perchè ho sempre mangiato giusto!" - Andava avanti così fino al dolce.
Dopo pranzo amavamo schiacciare un pisolino in salotto, tra quelle mura ci sentivamo protetti. Sia di giorno che di notte apprezzavamo il vociferare dei passanti nel corso sottostante che ci cullavano in quell'ambiente magico... Quella fu per molti anni la nostra casa di gioco preferita.

 

Scritto da:
anonimo


 
 









 
Articoli Torna alla sezione Articoli
 


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "linguaggio".
Visualizza video sull'argomento "familiare".
Visualizza video sull'argomento "linguaggio familiare".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




Una discussione di questa sezione

la storia del futuro

Cosa pensate dei cosiddetti storici del futuro?

LEGGI TUTTA LA DISCUSSIONE


Risposta 1

Difficilmente si può predire cosa succederà domani, si tratta per i più "seri" di ammonimenti o comunque di ipotesi probabili. Se alcuni di questi avessero avuto ragione la terra dovrebbe essere sparita già 100-200 volte

LEGGI TUTTE LE RISPOSTE


Risposta 2

I maya havevano previsto 100volote delle cose che sarebbero successe, e sono sucesse, avevo detto che sarebbe stato ucciso un presidente con uan data esatta, HANNO SBAGLIATO DI 31SECONDI!! Havevano detto che una certa data sarebbero cadute le torri gemelle E SONO CADUTE poi hanno deto altro ed si è avverato.ORA DICONO CHE NEL 2012 LA TERRA SI FERMERA PER 3GIORNI PER POI GIRARE AL...

LEGGI TUTTE LE RISPOSTE

 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2020 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: