ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
articoli.htm   Articoli - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Regimi islamici in Siria e Somalia -
 

Shikh Nasrallah
 
SIRIA: TERRORE ED ANTISEMITISMO

Durante la storica visita di Vladimir Putin, il primo capo dello Stato russo, il premier Ariel Sharon gli ha fatto consegnare un nutrito dosier su "Siria, terrorismo e antisemitismo".
Cosa c'è in quel dossier che consta più di cento pagine?
Un po' di tutto: dalle prove che la armi di distruzione di massa di Saddam sarebbero finite oltre confine ben prima dell'inizio della guerra, agli indizi sui coinvolgimenti di Damasco nell'organizzazione della guerriglia baathista irachena che, insieme a quella islamica, è responsabile di più di tre attentati al giorno, all'elencazione delle violazioni dei diritti umani nel regime di Bashar Al Assad, passando per alcune perle di antisemitismo del XXI secolo, come il il non voler dare in estradizione gli ultimi criminali nazisti viventi (già consiglieri del padre di Bashar Al Assad, Afez), con la motivazione che in Siria "uccidere ebri nono è reato" o come il il profluvio di edizioni libanesi e siriane di un classico dell'anti-giudaismo della polizia zarista: i protocolli dei Savi di Sion.
Un estratto di tutto ciò è stato pubblicato dalla rivista israeliana che fa capo all'Intelligence and terrorism information center (CSS) del colonnello Reuven Erlich.
È di recente pubblicazione (risale, infatti, al maggio 2006) ed è introdotto da un avvertenza che fa venire i brividi: "Tutto quello che leggerete, anche se vi sembrerà immaginario, in realtà è accaduto davvero, gli ebri sono i nostri nemici e manovrano da anni un complotto per sopraffare i paesi arabi [... ] La pubblicazione del loro progetto di conquistare il mondo serve a far conoscere chi sono i veri nemici di Siria".

A tale affermazione fa eco quanto detto dal presidente siriano Bahsar Assad in occasione della visita papale del 5 maggio 2001: "Gli ebri cercano di uccidere i principi di tutte le religioni con la stessa mentalità con cui hanno tradito Gesù Cristo e Nello stesso modo in cui hanno cercato di tradire e uccidere il profeta Maometto".
L'editorialista del quotidiano governativo siriano Al-Akhbar scriveva, invece, il 20 aprile 2001 e ribadiva il successivo 27 aprile: "Hitler va ringraziato perché ha vendicato in anticipo i palestinesi, anche se dobbiamo lamentare il fatto che la sua vendetta nono è andata abbastanza avanti".
In Siria esiste un ministero per la propaganda contro Israele e gli ebrei.
Nonostante l'apparenza di democrazia del governo siriano, infatti, esso, in realtà, presenta tutti gli aspetti tipici di un regime totalitario; è, infatti, un governo a partito unico, che sostiene ed è a sua volta appoggiato da vari gruppi di combattenti, primi tra tutti gli Hizbollah ed il loro leader Shikh Nasrallah, e che, soprattutto, viola sistematicamente i diritti umani. Tra i diritti negati alla popolazione siriana si ricordano in particolare: la libertà di stampa. L'uguaglianza politica e giuridica per le donne le minoranze, le elezione pluripartitiche, la libertà di religione e do pacifico dissenso politico, la libertà di associazione e di assemblea, la libertà di movimento.
In Siria è vietato tutto: da Internet ai libri stranieri che nono abbiano passato il visto censura, a diffondere informazioni che possono mettere in cattiva luce il regime.
Tuttavia, per lo stato siriano non si può propriamente parlare di stato totalitario.
Un regime totalitario prevede, infatti, che il partito al potere abbia il consenso delle masse e che attraverso le proprie organizzazioni tenti di mobilitarle. La realtà del governo siriano si discosta, invece, in buona parte da tale previsione: il partito di governo, infatti, di ideologia baathista, è comandato da alawiti, una setta di origine islamica (derivante da un'ideologista sciita), che non è ben vista dalla maggioranza della popolazione siriana.
Per "catalogare" tale stato, quindi, ci si può rifare alla definizione che molti hanno attribuito al regime fascista italiano, giudicato un "totalitarismo imperfetto", poiché, anch'esso, come il regime di Siria, fu incapace di sottomettere completamente la società civile (è tesi della Arendt e di De Felice).
 
SOMALIA: AL POTERE MILIZIE VICINO AD ALQAEDA

Dopo dieci anni di vuoto di potere seguito al ritiro degli ultimi militari americani e dopo anni di guerra tra fazioni contrapposte, le milizie islamiche vicine ad Al Qaeda hanno sconfitto i "signori della guerra" filo-occidentali ed hanno imposto la Sharia.
La Somalia si avvia, così, a diventare un nuovo regime totalitario islamista come l'Afghanistan dei Talebani, o almeno, questo è ciò che temono tutti gli analisti.
Anche prima della vittoria islamista, la sharia era già stata imposta a gran parte del Paese, poiché le milizie filo-occidentali stesse l'applicavano per mantenere l'ordine col pugno di ferro nei territori da loro controllati. Gli islamisti hanno posto bruscamente fine all'anarchia somala e al sogno di tanti libertari di una terra senza stato. Infatti i libertari americani avevano sempre citato la Somalia come un esempio di sviluppo per i Paesi africani. Associazioni libertarie come Awdal lavoravano da anni in Somalia per avviare una cooperazione economica rigorosamente non statuale. Ora sarà sicuramente tutto più complicato.
 
<< INDIETRO    


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "regimi".
Visualizza video sull'argomento "islamici".
Visualizza video sull'argomento "siria".
Visualizza video sull'argomento "somalia".
Visualizza video sull'argomento "regimi islamici siria somalia".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




Una discussione di questa sezione

la storia del futuro

Cosa pensate dei cosiddetti storici del futuro?

LEGGI TUTTA LA DISCUSSIONE


Risposta 1

Difficilmente si può predire cosa succederà domani, si tratta per i più "seri" di ammonimenti o comunque di ipotesi probabili. Se alcuni di questi avessero avuto ragione la terra dovrebbe essere sparita già 100-200 volte

LEGGI TUTTE LE RISPOSTE


Risposta 2

I maya havevano previsto 100volote delle cose che sarebbero successe, e sono sucesse, avevo detto che sarebbe stato ucciso un presidente con uan data esatta, HANNO SBAGLIATO DI 31SECONDI!! Havevano detto che una certa data sarebbero cadute le torri gemelle E SONO CADUTE poi hanno deto altro ed si è avverato.ORA DICONO CHE NEL 2012 LA TERRA SI FERMERA PER 3GIORNI PER POI GIRARE AL...

LEGGI TUTTE LE RISPOSTE

 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2020 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: