ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
viaggiare_viaggio.htm   Viaggi e cultura - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Articolo -
 
Scritto da: Giancarla Vietti | Discuti sul FORUM
ARTICOLO IMMAGINE


Cina, Lao Tse: un taglio visuale sulla realtÓ
Conoscere le conquiste del pensiero, lo Yin e lo Yang

Affondando le radici nella tradizione emersa nei secoli, nella pi¨ antica cultura contadina dei periodi protostorici, Lao Tse, vissuto intorno al 571 a.C., in Cina, ha steso il suo pensiero di ispirazione divina nel testo "Tao the ching", "Il libro della via e della virt¨". La leggenda narra che, nel suo peregrinare, quando giunse al posto di guardia di Hangu, un ufficiale gli chiese di lasciare qualche scritto sulle sue idee. Egli lo fece ed espose la sua filosofia nei cinquemila ideogrammi di quella che sarebbe stata la sua prima ed unica opera, riconosciuta come uno dei pi¨ grandi testi spirituali dell'umanitÓ. Lasci˛ il suo pensiero su tavolette di bamb¨, per poi sparire per sempre nel deserto, insieme al suo bufalo d'acqua.

Al di lÓ del mito, all'interno di questo contenuto culturale, che Ŕ la base del taoismo, noi possiamo arricchire la nostra visione del mondo, pur mantenendo ferma la nostra identitÓ, con tagli visuali che non avevamo esperimentato, ponendoci a guardare il reale da questo punto di vista. E' interessante leggere il commento del giornale LifeGate. Le polaritÓ costitutive del simbolo del tao sono rappresentate dall'idea dello yin e dello yang. Esse sono suggerite dalla natura. Nascono, per evidenziarle con un esempio, dall'osservazione dell'alternanza ciclica del giorno e della notte, che viene simbolicamente correlata al lato ombroso e a quello soleggiato di una collina. Quindi un'unica realtÓ che porta in sÚ sia l'ombra che la luce. E' questa una visione molto importante. La realtÓ Ŕ vista come unificatrice, contiene il positivo e il negativo e insieme, al suo interno, li supera. Sono gli opposti universalmente congiunti che si rincorrono ed avvicendano l'un l'altro.

L'osservatore pu˛ affermare che solo la logica occidentale vede questi "contrari", come separati e, per lo pi¨, in antitesi fra loro: non possono essere veri contemporaneamente. Il pensiero taoista ha qui una intuizione: l'opposizione c'Ŕ, come la natura insegna, ma Ŕ relativa. Il buio esiste solo se confrontato con la luce. Ogni realtÓ non Ŕ mai assoluta, cioŔ non Ŕ mai esclusiva. Pi¨ ancora: ogni cosa ha in sÚ, nel momento della sua massima espressione, la radice del suo opposto. Ecco un concetto per noi estremamente innovativo: ogni realtÓ pu˛ essere, dunque, se stessa "e" il suo contrario. Non si tratta assolutamente di una visione relativistica. E' un'ottica dinamica e circolare. Il tao (la via) ruota e, ruotando, si configura in perpetua e inevitabile trasformazione. Ci˛ che si trasforma non si annulla, ma ritorna, arricchito dall'aver attraversato e, quindi, conosciuto proprio il suo contrario.

 


Immagine dell'articolo
 
<< INDIETRO    


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "cina".
Visualizza video sull'argomento "pensiero".
Visualizza video sull'argomento "yang".
Visualizza video sull'argomento "cina lao tse pensiero yin yang".


Dý la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa pi¨ dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicitÓ | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietÓ di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: