ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
programmazione.htm   Programmazione - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- I principali oggetti del DOM -
 
COSA SERVE PER QUESTO TUTORIAL
Chiedi sul FORUM | Glossario Un browser web - conoscenze basiche riguardo ad Internet
Gli oggetti document, element, node e la proprietà innerHTML

PREMESSE PER L'UTILIZZO DEL DOM
Verificare il supporto e distinguere gli oggetti basici

Innanzitutto verifichiamo che il nostro browser supporti il DOM di Livello 1.
Il modo tradizionale per far questo è rilevare la presenza dell'oggetto (metodo) getElementById, definito dal W3C.
Il codice sarà di questo tipo:

if (document.getElementById) {
// il browser supporta 
// il DOM di livello 1 del W3C
}
else {
// il browser NON supporta
// il DOM di livello 1 del W3C
}

In realtà, questa rilevazione non garantisce di per sé che il browser supporti tutte le specifiche, ma verifica semplicemente che l'oggetto in questione sia presente. Prima di entrare nella descrizione dei principali metodi e proprietà del DOM, occorre specificare con più accuratezza la differenza tra element e node.
Un elemento (element) è contraddistinto da un tag, qualunque esso sia. È facile quindi capire che può contenere altri elementi, si pensi al tag TABLE, che si compone di righe e di colonne, le quali a loro volta possono contenere altri elementi.
Il nodo (node) ha un significato semantico più ampio: oltre ad includere nella sua definizione tutti gli elementi, un nodo può essere anche un testo o un attributo, che, a differenza di tutti gli altri nodi, non possono avere attributi e non possono contenere altri nodi.
Chiarito questo punto possiamo addentrarci nei dettagli del DOM percorrendo i metodi, le proprietà, e le caratteristiche dei mattoni costituenti il DOM stesso: document (l'elemento principale), element e node.
 

L'OGGETTO DOCUMENT
Rappresenta l'elemento da cui tutti gli altri partono

Come appena accennato document è un elemento molto importante, perché è quello in cui ogni altro elemento è incluso. Di conseguenza, anche document corrisponde ad un tag, quello che contiene tutti gli altri e che identifica una pagina per il Web: il tag <HTML>.
Detto questo passiamo a trattare i principali metodi di document, che si possono dividere tra metodi che si occupano di recuperare elementi nella pagina e quelli utilizzati per la creazione di nuovi elementi.
Della prima sfera fanno parte:

  • getElementById: questo metodo permette di recuperare l'elemento caratterizzato dal valore (unico) del proprio attributo Id. In particolare restituisce un riferimento all'elemento in questione. La sua sintassi è:
    document.getElementById("ID_elemento")
    dove ID_elemento è, per l'appunto, il valore (unico) dell'attributo Id dell'elemento che si vuole recuperare.
  • getElementsByTagName: questo metodo permette di recuperare l'insieme degli elementi caratterizzati dallo stesso tag. In particolare ritorna un array di tutti gli elementi del tag considerato, nell'ordine in cui compaiono nel codice della pagina. La sintassi è:
    document.getElementsByTagName("nome_TAG")
    dove nome_TAG è il nome del tag di cui si vuole recuperare la lista.

Le differenze tra i due metodi sono evidenti: recuperare o un elemento particolare o una famiglia d'elementi con le stesse caratteristiche.
Passiamo ora ai metodi di document che si occupano di creare nuovi elementi della pagina:

  • createElement: il metodo permette di creare un nuovo elemento di qualsiasi tipo si voglia. Ritorna un riferimento al nuovo elemento creato. La sua sintassi
    nuovoElemento = document.createElement("nome_TAG")

    dove nuovoElemento è la variabile che conterrà il riferimento al nuovo elemento creato e nome_TAG è il nome del tag di cui si vuole creare un nuovo elemento.
  • createTextNode(): il metodo permette di creare un nuovo nodo di testo. Come prima accennato, i testi sono nodi particolari che non possono contenere altri nodi, corrispondono quindi agli ultimi anelli della catena del DOM. In particolare, il metodo, restituisce un riferimento al nuovo nodo di testo creato. La sua sintassi è:
    nuovo_testo = document.createTextNode("testo_da_inserire")
    dove nuovo_testo è la variabile che conterrà il riferimento al nuovo nodo di testo e testo_da_inserire è la stringa di testo da inserire nel nuovo nodo.
    Proviamo ad utilizzare questi metodi. Supponiamo di voler inserire un nuovo nodo di testo, la sintassi da utilizzare sarà:
    testo = document.createTextNode("Testo aggiunto dinamicamente!")
    Ma dove è il nuovo nodo di testo? In realtà il nodo non viene visualizzato, almeno per ora. Questo ci fa intuire che c'è differenza tra creare un nuovo nodo ed inserirlo nella pagina. Esiste tutto un set di metodi che servono per "appendere" i nuovi nodi esattamente dove si vuole.

Prima di giungere ai nodi, procediamo per gradi, e passiamo ad element.

L'OGGETTO ELEMENT
Rappresenta un tag

Con element s'intende, come già accennato, ciascun'elemento della pagina caratterizzato da un tag, perciò, nelle sintassi sotto proposte, ogni volta che s'incontra element si dovrà intendere un generico elemento, come può essere uno di quelli restituiti dai metodi getElementById e getElementsByTagName. I metodi per element, si occupano per lo più di gestire e manipolare le caratteristiche d'ogni singolo elemento, come recuperare, settare e rimuovere gli attributi dell'elemento stesso. Prima però menzioniamo un metodo già visto:

  • getElementsByTagName: è lo stesso visto per document, ed ha quindi la stessa sintassi e la stessa semantica. In questo caso però ritorna la lista degli elementi caratterizzati dal tag specificato contenuti all'interno dell'elemento richiamato e non tutti quelli presenti nella pagina.
  • setAttribute: permette di creare un nuovo attributo per l'elemento specificato. Qualora l'attributo sia già presente, il metodo sovrappone il nuovo valore all'attributo in questione. La sintassi è:
    element.setAttribute("nome_attributo", "valore_attributo")

    dove nome_attributo è il nome dell'attributo che deve essere inserito o eventualmente modificato e valore_attributo è il valore da settare all'attributo specificato.

  • getAttribute: con questo metodo si recupera il valore dell'attributo passato come argomento. La sintassi è:
    element.getAttribute("nome_attributo")

    dove nome_attributo è il nome dell'attributo di cui si vuole recuperare il valore.

  • removeAttribute: con questo metodo, si rimuove l'attributo passato come parametro. Qualora l'attributo abbia un valore di default, sarà questo il nuovo valore assunto dall'attributo. La sintassi è:
    element.removeAttribute("nome_attributo")

    dove nome_attributo è il nome dell'attributo che si vuole eliminare.

  • tagName: utile proprietà degli elementi, che evidenzia il binomio elemento-tag; restituisce il nome del tag dell'elemento associato. La sua sintassi è, come per tutte le proprietà:
    element.tagName

Passiamo ora ad esaminare i metodi riguardanti i nodi, dopodiché avremo tutti gli strumenti per addentrarci nel lavoro.

L'OGGETTO NODE
Rappresenta un tag, un testo, un commento o un attributo

Per definizione con node s'intende l'interfaccia fondamentale del modello ad oggetti del documento HTML. Possiede, infatti, un set di attributi e metodi che consentono di scorrere le parentele tra i vari nodi risalendo e addentrandosi nella gerarchia della pagina.
Infatti, nell'accezione di nodo, ricadono non solo i vari elementi, che possono a loro volta avere elementi figli o attributi, ma anche particolari componenti di una pagina, come il testo o i commenti. Questi ultimi sono elementi "atipici", perché non possono avere attributi né includere altri elementi, perciò costituiscono gli ultimi anelli della struttura gerarchica del documento; sarebbero nodi irraggiungibili con i metodi visti finora.
In questa sezione mostrerò i metodi e le proprietà inerenti ogni node, grazie ai quali è possibile scorrere la struttura della pagina per recuperare e manipolare ogni nodo.
Cominciamo con le principali proprietà:

  • childNodes: questa collezione contiene tutta la lista dei nodi figli del nodo al quale è applicata la proprietà. Un nodo figlio (child) è un nodo contenuto in quello considerato ed è quindi nel livello gerarchico immediatamente inferiore.
    Tecnicamente childNodes è un array che restituisce i nodi figli del nodo in esame. Qualora il nodo non possegga figli, la proprietà restituisce un array vuoto. La sua sintassi è:
    node.childNodes

    Come ogni array, possiede a sua volta la proprietà length, ed è possibile accedere ai singoli nodi "figli", utilizzando la consueta sintassi dei vettori. Ad esempio, per recuperare il secondo figlio di un nodo, si scriverà:

    node.childNodes[1]
  • firstChild: questa proprietà restituisce il primo figlio del nodo al quale è applicata. Se il nodo non è presente restituisce null. La sintassi è:
    node.firstChild // equivale a: // node.childNodes[0]
  • lastChild: questa proprietà restituisce l'ultimo figlio del nodo al quale è applicata. Corrisponde all'elemento con indice uguale a length-1 della collezione childNodes. Se il nodo non è presente restituisce null.
    La sintassi è:
    node.lastChild // equivale a: // node.childNodes.length-1
  • nextSibling: restituisce il nodo che segue quello al quale è applicato, per così dire, restituisce il "fratello minore" del nodo in questione. Se il nodo seguente non esiste, la proprietà restituisce null. La sintassi è:
    node.nextSibling
  • previousSibling: questa proprietà restituisce il nodo precedente quello al quale è applicato, cioè restituisce il "fratello maggiore" del nodo in questione. Se il nodo precedente non esiste, la proprietà restituisce null. La sintassi è:
    node.previousSibling
  • parentNode: restituisce il nodo che contiene quello al quale è applicato, ossia il "padre" del nodo in questione. Se il nodo da restituire non esiste, la proprietà restituisce null. La sintassi è:
    node.parentNode

    Vi potrete adesso chiedere quale nodo non abbia un padre. La risposta più immediata è: document, proprio perché è il nodo che contiene tutti gli altri, è il capostipite della catena di parentele. Ma non è il solo. Si pensi ad esempio al nodo di testo creato in precedenza, finché non sarà inserito nella struttura gerarchica della pagina, non avrà alcun nodo parent.
    Per meglio comprendere le proprietà appena descritte ci sarà d'aiuto questa illustrazione.

  • nodeValue: restituisce il valore del nodo. Il valore di ritorno dipende dal tipo di nodo in questione, in particolare, per i tag, il valore ritornato è null, mentre è il testo per i nodi di testo. La sintassi è:
    node.nodeValue

Passiamo a questo punto a descrivere i principali metodi applicabili ai nodi. Cominciamo con un metodo che consente di stabilire se un nodo ne contiene altri.

  • hasChildNodes: questo metodo permette di verificare se un nodo possegga o meno dei figli. Restituisce un valore booleano relativo al risultato della verifica: se il nodo contiene altri nodi restituisce true altrimenti false. La sintassi è:
    node.hasChildNodes()
  • appendChild: il metodo inserisce un nuovo nodo alla fine della lista dei figli del nodo al quale è applicato.
    La sintassi è:
    node.appendChild(nodo)
    dove nodo è, per l'appunto, il nodo che si vuole inserire.
  • insertBefore: questo metodo consente di inserire un nuovo nodo nella lista dei figli del nodo al quale è applicato, appena prima di un nodo specificato. La sua sintassi è:
    node.insertBefore(nodo_inserito, nodo_esistente)
    dove nodo_inserito è il nodo che si vuole inserire nella lista dei figli di node, nodo_esistente è il nodo della lista dei figli di node prima del quale si vuole inserire il nuovo nodo. Continuando nella metafora delle parentele, viene inserito un nuovo figlio di node che è il fratello maggiore del nodo_esistente specificato.
  • replaceChild: questo metodo consente di inserire un nuovo nodo al posto di un altro nella struttura della pagina. La sua sintassi è:
    node.replaceChild(nuovo_nodo, vecchio_nodo)
    dove nuovo_nodo è il nuovo nodo che si vuole inserire al posto del vecchio e vecchio_nodo è il nodo che si vuole rimpiazzare con il nuovo.
  • removeChild: il metodo elimina e restituisce il nodo specificato dalla lista dei figli del nodo al quale è applicato. La sua sintassi è:
    node.removeChild(nodo_da_rimuovere)
    dove nodo_da_rimuovere è il nodo che viene rimosso e restituito dal metodo.
  • cloneNode: spesso può essere utile poter duplicare un nodo, con tutti i suoi attributi, e tutti i suoi figli senza dover ripercorrere tutti i passi che sono serviti per la sua creazione. È questo lo scopo di questo metodo, infatti permette di duplicare un nodo già esistente, offrendo la possibilità di scegliere se duplicare il singolo nodo, o anche tutti i suoi figli. Dopodiché il metodo ritorna il nodo clone. La sua sintassi è:
    node.cloneNode(figli)
    dove figli (true/false) è un valore booleano che determina se clonare tutti i figli insieme al nodo al quale è applicato il metodo (true), oppure se clonare il solo nodo (false).

LA PROPRIETA' INNERHTML
Non standard, ma supportato

Un'utile alternativa può essere l'uso della proprietà innerHTML per gli elementi: pur non essendo una proprietà standard (ma creata dalla Microsoft), fornisce comode soluzioni per la creazione di nuovi elementi della pagina. Anche se il gruppo di lavoro per il DOM del W3C non ha implementato questa proprietà per lo standard pubblicato, essa si è rilevata troppo pratica e popolare per essere ignorata dai produttori di browser. La tabella sottostante riporta un elenco dei principali browser di nuova generazione che supportano tale proprietà.
 

Browser Windows/Mac Linux
Internet Explorer Netscape Opera FF + FF + Ko 2 Ga 1
element.innerHTML 4+ 4+ NO 1+ 1+ 2+ 1+

Il valore della proprietà è una stringa contenente tag HTML e altro contenuto, come se apparisse in un documento HTML all'interno dei tag dell'elemento corrente. Questo permette di unire la semplicità di scrivere del familiare codice HTML al vantaggio della dinamicità dell'uso dei metodi.
La sua sintassi è:

node.innerHTML = codice_HTML
dove codice_HTML è il codice HTML da inserire all'interno del nodo.
Occorre precisare che, a differenza dei metodi W3C per la creazione di nuovi elementi, innerHTML non restituisce alcun riferimento ai nodi creati, permettendo, d'altro canto, di inserire nuovi elementi al volo usando la più compatta e comoda sintassi HTML.
Questa proprietà torna utile soprattutto quando si vuole inserire paragrafi con particolari formattazioni, che obbligherebbero, con la sintassi W3C, alla stesura di un codice un po' prolisso e a volte contorto.
Occorre inoltre fare attenzione a dove inserire il nuovo codice HTML, poiché la proprietà innerHTML sostituisce tutto il contenuto del nodo al quale viene applicata, con il nuovo codice specificato. Perciò, l'esempio seguente sostituirà completamente il contenuto del tag BODY con quello specificato:
document.getElementsByTagName("BODY").item(0).innerHTML = "<p><b>ciao</b></p><a href='pagina.html'>Vai a..</a>";


<< INDIETRO by Joker-81  


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "document".
Visualizza video sull'argomento "element".
Visualizza video sull'argomento "node".
Visualizza video sull'argomento "innerhtml".
Visualizza video sull'argomento "dom document element node innerhtml".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: