<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - Sopravvivenza: imparare a fare i nodi 2 <% sez_id = 14 immm = "sopravvivenza" categoria = 14 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "36" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- Imparare a fare i nodi -
 
DOCUMENTO
Come fare i nodi e come applicarli in campo di sopravvivenza (2 di 2)

Immagine documento
 

Nodi: come farli

La caratteristica che deve essere comune a tutte le tipologie di nodi è la resistenza in relazione all'utilizzo per il quale sono stati creati, un nodo deve inoltre essere facile da sciogliere. Per provare la teoria che andiamo ad esporre è utile replicare con una corda o una fune (niente lacci o spago) ciò che viene descritto. A ciascun nodo corrisponde un'immagine numerata:

  • Nodo a bocca di lupo (fig.16) - Serve a sospendere in aria un carico o per ancorare una corda a un dato punto.
     
  • Nodo parlato (fig.17-18) - Il più semplice tra i nodi di ancoraggio, è molto solido ed è facile e rapido da sciogliere; serve ad esempio per legare una fune a un palo o come nodo di partenza per delle legature.
     
  • Nodo di Prusik (fig.19) - Nodo derivato da quello a bocca di lupo, ha gli stessi usi e serve anche come nodo di sicurezza per ancorarsi con una certa elasticità a un'altra corda.
     
  • Nodo a mezza chiave (fig.20-21) - Adatto a fissare un tirante ad un picchetto, o ad esempio per ancorare una corda a un'altra già tesa o ad un palo.
     
  • Nodo paletto (fig.22) - Da usare per ancorare un oggetto, per iniziare una legatura, per legare un carico da trascinare o da issare (ad esempio di legna).
     
  • Nodo dell'evaso (fig.23) - Può essere impiegato per calarsi e poter recuperare la corda appena dopo.
     
  • Nodo a otto (fig.24) - Serve ad accorciare o tendere corde sottoposte a tensione costante, senza tagliarle e senza slegarne le estremità; adatto anche a rinforzare un tirante logorato.
     
  • Nodo margherita (fig.25) - Serve ad accorciare o per mantenere tesa una corda sottoposta a tensione costante senza tagliarla e senza slegarne le estremità; utile anche per rinforzare una parte logorata della corda.

Descritta questa serie di nodi è importante dire che per arrivare ad avere manualità occorre esercitarsi più e più volte in maniera da poter poi replicare a memoria la tecnica con efficacia e rapidità nel momento del bisogno. Se possibile testare sempre la resistenza di un nodo prima di impiegarlo nell'operazione a cui E' destinato.

 

<< INDIETRO